indietro

LO ZAINO NON PESA CON POCKETBOOK!

5 Ottobre 2017

Arrivano gli ereader anche a scuola

Secondo i dati dell’Osservatorio Scuola Digitale su un campione di 3.500 edifici scolastici italiani il 97% risulta connesso ad Internet, ma solo il 54% delle aule possiede strumenti adeguati alla didattica digitale e ancora meno gli insegnanti che promuovono l’utilizzo di strumenti digitali in classe.



L'utilizzo di lettori digitali per lo studio consentirebbe alle famiglie un risparmio sulle spese dei libri scolastici nonchè una soluzione al problema degli zaini sempre più pesanti! Una recente circolare del Ministero dell'Istruzione avverte che il peso non dovrebbe superare il 15% del peso corporeo del ragazzo, ma quasi sempre si arriva ad almeno due chili in più.
Con libri a portata di click e visualizzabili su un unico dispositivo le spalle dei ragazzi sarebbero salve ma gli occhi? 

A differenza di monitor, smartphone e tablet -il cui 'micro-sfarfallamento' impatta sulla visione, la tecnologia EInk dei lettori PockeBook simula l'inchiostro sulla carta consentendo una lettura prolungata. Un dettaglio che fa la differenza rispetto ad esempio alla retro-illuminazione LCD degli schermi di quasi tutti gli altri dispositivi. 

Gli e-reader PocketBook possono contenere fino a 2000 libri e dispongono di connessione Wi-Fi. E' anche possibile sottolineare intere frasi e prendere appunti salvandoli istantaneamente su una cartella, memorizzando la pagina ad ogni spegnimento e permettendo di rincominciare esattamente da dove si era interrotto.

Le iniziative di digitalizzazione dei contenuti didattici per la scuola possono portare a risultati di svolta in termini di salute dei ragazzi e di costi per le famiglie. Già alcune tra le più importanti case editrici di libri scolastici hanno aderito  a proposte come lo "zaino digitale" che permette la semplice registrazione su una piattaforma online per trovare libri di testo scaricarbili in formato digitale.